trekkingbyamv.png
 
GOPR5439.jpg

Trekking lungo


L’Antica
Via del Sale

da Capanne di Cosola (AL) a Sori (GE)
passando per Torriglia (GE)

28/29 Settembre 2019


Un itinerario dalla storia millenaria, diretto al mare attraversando l’Appennino

2 giorni e 1 notte

La formula è quella nuova già sperimentata con grande successo agli inizi di giugno: 44 km a piedi lungo sentieri e mulattiere e 10 km finali di divertente discesa in bicicletta per Sori (lungo una stradina asfaltata). Trasporto bagagli da una tappa all'altra e trasporto privato da Pavia a Capanne di Cosola. Pernottamento in B&B.

Temine iscrizioni 06 Settembre 2019

Quota: 190 € a persona


Introduzione al trekking

 
 

AVM Trekking propone uno dei trekking appenninici più conosciuti e amati, che percorreremo in due giorni, in un susseguirsi di meraviglie, seguendo un itinerario antico che permette di inoltrarsi in una delle più belle e interessanti aree dell’Appennino settentrionale.

La Via del Sale è un magnifico itinerario turistico, per escursionisti a piedi, in bicicletta e a cavallo che permette di scoprire un mondo variegato di natura, paesaggi, cultura, tradizioni locali ed enogastronomia. Questa via storica è parte del più ampio percorso denominato Via del Mare, che unisce Milano a Portofino, passando anche per Pavia e Voghera. AVM prende il nome proprio dalla Via del Mare perché è proprio AVM ad averla ideata e definita come grande itinerario escursionistico.

Grazie al servizio di trasporto bagagli durante il trekking, i partecipanti potranno camminare con un piccolo zaino, leggero, contente solo lo stretto necessario per la giornata, mentre tutto il resto (cambi, ecc.) sarà trasportato ai punti tappa. Quindi non vi dovrete stressare per far stare tutto quanto in uno zaino e soprattutto non dovrete portarvi in spalla un peso eccessivo che renderebbe decisamente meno piacevole il trekking.

Inoltre, per inserire un divertente diversivo finale, l'ultimo tratto di discesa a Sori, che presenterebbe un percorso non molto interessante se fatto a piedi, lo realizziamo invece in bicicletta, con una simpatica discesa (non si pedala praticamente mai) lungo una stradina asfaltata che in circa 10 km ci porta direttamente a Sori.
Il trekking parte Capanne di Cosola (circa 1500 m), piccolo borgo montano, posto ai piedi del Monte Chiappo (1700 m).

La nostra proposta di quest’anno esclude la tratta Varzi-Capanne di Cosola, impegnando così solo il week end senza scomodare il venerdì e comunque andando a percorrere le due tratte della Via del Sale più belle, senza nulla togliere alla Varzi-Capanne.

Inizieremo il trekking, quindi, seguendo il crinale in quota altamente panoramico, fra le valli Borbera, Trebbia e Scrivia, per raggiungere la Liguria, nei pressi di capanne di Carrega, ed entrare nel Parco Regionale dell’Antola. Infine raggiungeremo Santa Maria del Porto, frazione di Torriglia, in alta Val Trebbia, dove pernotteremo presso un delizioso B&B.

La tappa a seguire ci condurrà, sempre seguendo spesso il filo di crinali ora boscati (lecci, querce, castagni, noccioli, ecc.) ora con radure o vegetazione arbustiva (eriche, ginestre, ginepri, ecc.), sino al colle di Case Becco, ormai in odor di mare. Da qui, come già ricordato, scenderemo a Sori in bicicletta.

L’Appennino settentrionale, di cui attraverseremo a piedi una parte, è una delle aree a più alta biodiversità d’Europa e rappresenta, quindi, un patrimonio di inestimabile valore non solo per l’Italia ma per l’intero continente europeo.
Durante tutto il cammino avremo molto spesso innanzi a noi l’orizzonte blu del mare, che si avvicinerà di ora in ora, passo dopo passo. Già questa particolarità del trekking conferisce un forte elemento emotivo e spettacolare.


 
 

Programma (2 giorni e 1 notte)

Si tratta di un itinerario alla portata dell’escursionista medio, senza tappe massacranti o troppo brevi. Si è cercato di studiare l’itinerario in modo tale da distribuire il più equamente possibile l’impegno in ognuna delle due tappe.

Quando i dislivelli indicati risultano superiori a 1000 m, bisogna considerare che non si tratta di un’unica salita o un’unica discesa ma di un saliscendi che quindi alterna salite e discese con dislivelli moderati, i quali sommati danno poi il dislivello totale. Solo la prima tappa presenta un paio di salite costanti per tratti abbastanza lunghi, ma comunque inframezzate da due altrettanto lunghi tratti con dislivelli molto limitati e in grado, quindi, di ridare respiro all’escursionista.

NB: i tempi di percorrenza indicati si riferiscono a quelli di cammino, quindi pause varie escluse.

Caratteristiche tecniche delle tappe

Prima Tappa da Capanne di Cosola a Santa Maria del Porto (Torriglia)
Partenza da Capanne di Cosola, ore 9:00
Difficoltà: E+
Tempo di percorrenza: 7 h
Dislivello + : 870 m
Dislivello - : 1340 m
Sviluppo: 25 km

Seconda Tappa da Santa Maria del Porto (Torriglia) a Sori
Partenza da S. Maria del Porto, ore 7:00
Difficoltà: E+
Tempo di percorrenza: 7 h
Dislivello + : 690 m
Dislivello - : 900 m
Sviluppo: 19 km (a piedi)

In bici si scendo circa 10 km di strada asfaltata per 700 m circa di dislivello negativo.

Rientro in treno da Sori a Voghera/Pavia dopo un ristoratore bagno in mare.

 
 

Quota individuale di partecipazione

Per gruppo di 18 partecipanti: 190 €

Le quote di partecipazione includono

  • Servizio di Guida Escursionistica per i 2 giorni del trekking.

  • 1 notte in B&B a S. Maria del Porto, con pernottamento e prima colazione.

  • 1 cena (vini e bevande esclusi), 1 pranzo al sacco.

  • Servizio di trasporto bagagli da un punto tappa all’altro.

  • Servizio di trasporto privato da Pavia a Capanne di Cosola.

  • Polizza assistenza sanitaria.

La quota di partecipazione non include

  • Bevande e vino.

  • Biglietto treno Sori-Voghera/Pavia.

  • Ogni altra spesa non indicata alla voce "la quota comprende".

Pernottamento presso:
B&B Villa Tiffany, località Madonna del Porto (Torriglia - GE)

Cena presso:
Agriturismo Pensa, località Madonna del Porto (Torriglia - GE)

Iscrizione

Le iscrizioni sono possibili sino al 23 Agosto 2019.
Perché l’iscrizione sia effettiva occorre versare la quota di 190 €, al momento della richiesta di iscrizione, tramite bonifico (gli estremi bancari saranno comunicati al richiedente iscrizione).

Nel caso in cui un iscritto annullasse la partecipazione verrà trattenuta parte della quota:

  • annullamento entro il 30 agosto, trattenuta del 30% della quota;

  • annullamento tra il 31 agosto e il 06 settembre, trattenuta del 60% della quota;

  • annullamento oltre il 06 settembre non ci sarà nessun rimborso.

In caso di nostro annullamento del trekking, per cause maggiori, la quota verrà interamente restituita.

Termine di iscrizione: 06 Settembre 2019
.

NB: chi non ha mai partecipato alle nostre escursioni, deve compilare il Questionario Escursionistico al quale potrà accedere una volta inviata l’iscrizione, così da permettere alla nostra Guida di valutare se questo trekking è adatto o meno alla persona che si è iscritta.

In questo trekking non sono accettati animali.

Informazioni generali

Difficoltà complessiva: EE (per escursionisti esperti, con impegno fisico medio-alto). Nessuna difficoltà tecnica.
Gruppo: 7 partecipanti.
Guida: Pierre Greppi, Naturalista e Guida Ambientale Escursionistica (Tessera LO324).

ATTENZIONE
Nel caso di intolleranze alimentari, problemi respiratori e cardiaci o altri problemi fisici che potrebbero interferire negativamente con l’attività escursionistica, si prega di informare la guida preventivamente.

Attrezzatura

Grazie al servizio di trasporto bagagli durante il trekking, è possibile utilizzare un piccolo zaino di 35/40 litri, che conterrà solo il necessario per la giornata, mentre tutto il resto (cambi, ecc.) sarà trasportato al punto tappa e lo dovrete inserire in un trolley o sacca. Obbligatorio avere (e usare) i bastoncini da trekking, la guida vi insegnerà ad usarli al meglio per preservare dai guai caviglie, ginocchia e schiena.
Abbigliamento da trekking primaverile, con almeno un maglione, un paio di calzoni lunghi, cappello e guanti in pile, occhiali da sole, crema solare 50+, cappellino in cotone, giacca windstop impermeabile, copri zaino impermeabile, consigliata la borraccia a sacca da 2 litri da inserire all’interno dello zaino. In generale considerare un abbigliamento a cipolla in quanto, in particolare durante il cammino della prima e seconda tappa, dove si superano i 1500 metri di quota, se c’è vento, potrebbe essere freddo, mentre alla fine del trekking, alle quote inferiori, potrebbe essere piuttosto caldo (tanto che spesso si riesce a fare il bagno a mare). Utilizzare calzature non rigide, con cavigliera medio-bassa o bassa, buona traspirazione, ponendo attenzione al loro peso, perché un etto in più sulla scarpa corrisponde a mezzo chilo di carico in più sulla schiena! La Guida utilizza scarpe da trail-running: comode, ottima aderenza della suola, leggerissime, si asciugano velocemente. Portare con se qualche bustina di integratori di sali minerali (potassio e magnesio), qualche barretta energetica (anche solo di frutta secca) e un piccolo kit di primo soccorso.
Non scordate la macchina fotografica!
Per la discesa finale in bici, oltre alla due ruote verrà consegnato anche un caschetto.

Info

Per informazioni sugli aspetti tecnici del trekking contattare la Guida Pierre Greppi:
cell. 327.8610506 - email: info@avmtrekking.com (web: www.avmtrekking.com)

Località di ritrovo per la mattina del 28 Settembre: di fronte alla Stazione Ferroviaria di Pavia, banchina partenze bus Malpensa ore 8:00.